“Love all, serve all”: il successo dietro il marchio Hard Rock Cafe

Hard Rock Cafe

Nato da due americani a Londra, la fortuna del locale più rock e cool al mondo passa attraverso un’identità ed un’esperienza ben definita, ospitando ogni giorno milioni di turisti, appassionati e musicisti di ogni nazionalità.

In Italia ne sono stati aperti tre (a Roma, Firenze e Venezia), ma nel resto del mondo se ne possono contare più di 200, in oltre 68 paesi. Si chiamano Hard Rock Cafe, e oltre ai locali della stessa catena si possono trovare anche Hard Rock Hotels e Hard Rock Casinos, tutti uniti sotto la stessa fede:”Love all, serve all”.

Come (e dove) tutto ha inizio

Il format di ristoranti Hard Rock Cafe nacque a Londra il 14 giugno 1971 da Isaac Tigrett e Peter Morton, due americani che, non trovando un buon hamburger da mangiare, decisero di aprire un loro ristorante per portare lo spirito, la cultura ed il modo di vivere degli statunitensi in Inghilterra.

hard rock londra

Il primo Hard Rock Cafe, aperto nel 1971 a Londra.

 

Nel Cafe londinese, Peter si occupava degli hamburger americani mentre Isaac abbelliva le pareti con vecchie targhe automobilistiche, pubblicità delle Lucky Strikes e oggetti del college, tutto rigorosamente in stile americano. Nel menù si potevano trovare infatti anche marchi come il ketchup Heinz o la salsa Campbell’s.

Il luogo scelto per l’apertura del locale, inoltre, era una vecchia concessionaria Rolls Royce, presa inizialmente in affitto per soli 6 mesi: nessuno pensava infatti al successo che il format avrebbe ottenuto in così poco tempo!

Il celebre logo della catena fu pensato inizialmente da Isaac, il quale prese come esempio quello delle auto Chevrolet. Assieme a Peter, immaginava un logo bianco, azzurro e rosso, che richiamasse i colori americani, ma l’idea fu presto scartata.

Il logo, come lo vediamo ancora oggi, fu creato da Alan Aldridge, illustratore britannico (e successivamente Direttore Artistico di Hard Rock Cafe), noto per le illustrazioni psichedeliche nelle copertine degli album dei Beatles.

In poco tempo, molti chitarristi e musicisti iniziarono a frequentare il Cafe.

hard rock cafe venezia

L’Hard Rock Cafe Venezia aperto nel 2009

 

Già nel 1973, I Wings (Paul McCartney & Wings), improvvisarono un concerto pre tour nel locale, ma fu nel 1979 che il dio del Rock, Eric Clapton, assiduo frequentatore del locale di Londra, chiese ad Isaac di appendere la sua chitarra sopra lo sgabello in cui sedeva regolarmente per “segnare il suo posto” consacrando l’Hard Rock Cafe come uno spazio memorabilia e come luogo di incontro per le rockstar di tutto il mondo (e non solo).

Una settimana dopo, infatti, un pacco contenente un altro strumento arrivò al ristorante: si trattava della chitarra di Pete Townshend, straordinario chitarrista dei The Who che chiedeva di riservare uno sgabello anche per lui nel locale.

Grazie alla passione e alla capacità di coinvolgere tutti, il Cafe divenne così il luogo ideale per incontrare sia Rock stars che gente normale.

Nel 1982 Hard Rock Cafe iniziò la sua espansione, con l’apertura del primo locale a Los Angeles, negli Stati Uniti. Nel 1983 aprì invece a Tokyo, diventando così un brand globale.

Nel 1986 tutta la catena Hard Rock si affermò come primo Museo Musicale del mondo. Tra le memorabilie si annovera la rossa giacca di Michael Jackson che usò in “Beat it”, gli occhiali di John Lennon, il vestito che indossò Madonna in “Like a Virgin”, la chitarra Flying V di Jimi Hendrix e molto molto altro.

Nel 1995 la catena aprì il primo Hard Rock Hotel & Casino in Las Vegas, Nevada. (Oggi si possono contare 23 hotel, 11 casino e 2 all inclusive resorts).

Nel 2007, la catena internazionale Hard Rock fu acquisita da The Seminole Tribe (La catena indiana dei Seminole della Florida) che spostò il quartier generale dell’azienda in Orlando, Florida.

Il successo di Hard Rock dura da oltre 46 anni, grazie, e soprattutto, alla sua capacità di adattarsi ai tempi e al cambiamento richiesto dalla domanda, non guardandosi mai indietro, ma sempre in avanti.

“Love all, serve all”, inoltre, è una massima di Sathya Sai Baba, mistico indiano, che si può leggere in ogni Hard Rock del mondo. È questo infatti il payoff scelto dal Brand per rappresentare ogni suo prodotto.

hard rock cafe ibiza

Il payoff “Love all Serve all” – Hard Rock Cafe di Ibiza, Spagna.

 

Oggi, l’azienda opera in uno scenario mondiale mantenendo sempre alcuni forti principi, come l’importanza di essere autentici ed indipendenti, proteggendo sempre il pianeta, insieme. La collezione odierna conta più di 80’000 cimeli e gli Hard Rocks di tutto il mondo accolgono più di 15 mila concerti ogni anno, ospitando le più grandi band: dai Coldplay ai Beck, dai Weezer ai The White Stripes.

La famosa T-Shirt

La storia dietro la celebre maglietta bianca è molto curiosa.

Nel 1974 il locale inglese decise di sponsorizzare una squadra di Football locale con una semplice maglietta bianca riportante il logo “Hard Rock Cafe” della catena. Le T-shirt in avanzo vennero poi riportate nel locale e regalate ai clienti più fedeli ma, per via delle numerose richieste, Isaac e Peter dovettero acquistare un capannone indipendente per soddisfare la domanda dei tantissimi clienti, iniziando a venderle. La maglietta, infatti, ebbe un così enorme successo che molti preferivano entrare nel locale per acquistarla piuttosto che mangiare qualcosa.

hard rock cafe tshirt

La celebre t-shirt bianca venduta negli Shop di tutto il mondo.

 

Oggi la celebre t-shirt è il souvenir più acquistato al mondo (si contano circa 10 milioni di magliette vendute ogni anno) ed è un capo da collezionare di città in città.

Un marchio lifestyle e ispirazionale

Il marchio Hard Rock Cafe viene celebrato ogni giorno con tantissime esperienze che gridano “Rock!”. Non è un marchio nato in una sala riunioni o mediante un brainstorming: è nato per un debole verso il divertimento, una fede zen per la serendipity ed una passione per il Rock’n’Roll.

Le 6 M che permettono ad Hard Rock di essere un marchio all’avanguardia:

  • Musica: “Senza la musica siamo solo un posto con del buon cibo. Per questo la accendiamo  perché non crediamo nella musica di sottofondo. Organizziamo concerti, battle: la musica è la nostra religione”.
  • Menù: “Dal primo giorno siamo sempre stati molto seri nel servire la cucina americana classica, fatta a mano, con un tocco del sud che riflette le radici del Tennessee del co-fondatore Isaac Tigrett. Anche se il nostro menu si espande per includere il meglio delle cucine locali in tutto il mondo, servire cose buone è sempre e per sempre il nostro concerto”.
  • Merchandising: “Nata per una sponsorizzazione, ora le nostre magliette ed i nostri gadgets sono un ricordo di un grande momento”.
  • Memorabilia: “I nostri memorabilia rappresentano il nostro egoistico fanatismo dell’accumulare le cose più belle ed allo stesso tempo la nostra missione di volerle condividere con il mondo”.
hard rock cafe the rolling stones

La Fender Stratocaster dei The Rolling Stones, firmata dai componenti della Band, appesa all’Hard Rock Cafe di Venezia.

 

  • Monumento: “Il marchio Hard Rock deve gran parte anche all’edificio che lo ospita. Ogni locale non è solo un cartellone pubblicitario ad alto impatto, ma è anche un monumento ai valori e all’estetica del marchio stesso”.
  • Multimedia: “Apprezziamo le cose d’annata, il gusto classico, e le intrecciamo con il nuovo. Oggi la tecnologia è presente al 100% nelle nostre vite e saremmo dei pazzi (e un po’ zoppi) se non ne approfittassimo pienamente. Grazie alle nostre Rock Wall ed alla tecnologia touchscreen diamo la possibilità ai consumatori di consultare online i migliori pezzi della nostra collezione di memorabilia, anche se attualmente si trovano su un muro a Bali o su una vetrina a Barcellona. Non stiamo solo facendo tutto questo per soddisfare un’insaziabile sete di tecnologia, lo stiamo facendo perché vogliamo definire il futuro dell’ospitalità piuttosto che limitarci a parteciparvi”.
hard rock cafe thailandia

L’Hard Rock Cafe di Pattaya, in Thailandia

 

Strategie Hard Rock

I clienti di Hard Rock Cafe fanno parte di un target molto ampio, che va dagli 8 agli 80 anni (come quello della musica stessa). La catena, per la diffusione dei suoi prodotti, sceglie una distribuzione franchising dei suoi locali, ad eccezione degli Stati Uniti dove opera a livello corporate.

Per comunicare se stessa e le sue attività, l’azienda adotta sia strumenti stampati che elettronici, puntando molto anche ai luoghi di passaggio, come gli aeroporti. Utilizza inoltre alcuni piccoli annunci pubblicitari in televisione, radio o in varie riviste.

Negli ultimi anni ha deciso di non investire molto in advertising puro e semplice, ma puntare principalmente all’esperienza ed alla comunicazione diretta con i clienti, mediante iniziative dedicate come eventi, concerti e conferenze, ma anche matrimoni e party a tema nei vari Cafe, Hotel o Casino di tutto il mondo.

Hard Rock cafe concerto

Un concerto all’interno di un Hard Rock Cafe

 

L’azienda possiede inoltre un sito web, dove è possibile trovare varie informazioni sulle iniziative imminenti e una landing page per ogni locale.

Il brand è presente nei tre social network principali (Facebook, Twitter e Instagram) dove commercializza i suoi prodotti e/o eventi. Inoltre, ogni spazio (cafe, hotel o casino) è facilmente rintracciabile con una pagina Facebook ad hoc, che viene gestita in autonomia. Ad esempio, nella pagina Facebook dell’Hard Rock Hotel and Casino Las Vegas vengono postate foto scattate nei pressi della location, offerte riservate ai fan e tantissimi eventi/concerti che sono svolti nel locale.

Su Twitter, la strategia non è del tutto differente: i post e i contenuti sono simili, ma sono accompagnati da molti repost di artisti e musicisti o dai “Twitter Tuesday”, le offerte speciali.

Oltre a ciò, recentemente, Hard Rock ha creato una propria App, l’Hard rock Rewards, mediante la quale è possibile svolgere molte attività come trovare gli Hard Rock più vicini in qualsiasi parte del mondo, accedere a premi ed offerte dedicate o ricevere aggiornamenti relativi proprio locale preferito.

Per aumentare la propria brand awareness Hard Rock organizza moltissime attività di raccolta fondi per associazioni benefiche. Da sempre, infatti, l’azienda è impegnata in varie cause e attività filantropiche in tutto il mondo. La sua missione, basata sullo slogan “Save the Planet”, ha aiutato tantissime associazioni come, ad esempio, quella dell’11 settembre, l’Elton John AIDS Foundation, la Music Assistance Program (MAP), la Muscular Dystrophy Association (MDA) e molte altre. Hard Rock International contiene anche la “Hard Rock Foundation”, un istituto creato dall’azienda per garantire che i contributi e i fondi raccolti vadano a vantaggio di organizzazioni e progetti.

Infine, se da un lato l’azienda adotta una strategia internazionale uguale in tutti i suoi cafè, dall’altro sviluppa piani più locali. La scelta del proprio business si basa infatti sulle caratteristiche dei singoli territori urbani. A Firenze, ad esempio, è possibile lavorare localmente, con eventi ed un menù più legato al territorio, mentre a Venezia, dove c’è una clientela prevalentemente turistica, tutto cambia e diventa più global.

5 curiosità legate al Brand “Hard Rock Cafe”

  • Isaac Tigrett, uno dei due fondatori, passeggiava e chiacchierava molto spesso con i suoi clienti. Proprio nel suo locale, infatti, ha conosciuto l’ex-moglie di Ringo Starr, che poi è diventata sua moglie.
  • “Save the Planet” è stato il primo payoff della catena. Era una scritta che si leggeva molto spesso sui muri delle città in quegli anni. L’azienda lo scelse perché rappresentava il suo sguardo sempre molto attento al pianeta e, inoltre, per la sua partecipazione e/o organizzazione di molte iniziative benefiche come il Pinktober per la lotta contro il cancro.
  • Paul McCartney amava il menù vegetariano del Cafe di Londra;
  • Tra tutti gli artisti, gli Hard Rock Cafe conservano moltissimi oggetti preziosi dei Beatles, Elvis Presley e Jimi Hendrix.
  • I cafe non solo sollecitano le donazioni di cimeli musicali, ma acquistano anche un’infinità di oggetti nelle aste di tutto il mondo.

Per rivivere il pomeriggio “Hard Rock” con Gianna Cecchinato, European Regional Sales & Marketing Manager di Hard Rock Cafe, nostra ospite nel mese di Dicembre 2017, seguite l’hashtag #MTalk sui canali Twitter @ThisMLife e @mktrsclub oppure non perdetevi le foto della giornata su Facebook!

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life - 2015

made by digimade