IKEA e la domotica del futuro: innovazione e collaborazione

Il 2020 di IKEA si prospetta sempre più tecnologico: il colosso svedese sta mettendo a punto un nuovo sistema di domotica per fare in modo che cucine, camere da letto e salotti siano progettati all’insegna della tecnologia di consumo intelligente. E facendo parte del connected over IP project, IKEA è pronta a condividere con i leader del settore le innovazioni ideate per rendere la vita dei consumatori ancora più smart!

“Non abbiamo in progetto IKEA Smart-Home ma IKEA Home-Smart perché, per noi , la casa viene prima di tutto”. È con questa frase che Bjorn Block, il Business Area Manager di IKEA Home Smart, ha voluto riassumere l’idea che sta alla base della nuova direzione intrapresa da IKEA verso la tecnologizzazione dei propri dispositivi. 

Il concetto di base è che la tecnologia deve rendere maggiormente confortevole la casa offerta da IKEA e non viceversa, in un’ottica in cui il consumatore, entrando in un negozio IKEA, possa essere spinto a scegliere quei nuovi prodotti in grado di implementare l’esperienza di living che per l’azienda è il punto centrale della propria strategia di vendita. 

Un nuovo approccio al cambiamento

Per l’azienda, attualmente, è importante fidelizzare i clienti IKEA ad una nuova gamma di prodotti innovativi, considerando che essi sono abituati al prodotto IKEA standard, tendenzialmente facile da usare, semplice e disponibile a bassi prezzi. Tuttavia, le ultime tendenze in tema di domotica hanno spinto l’azienda a rivoluzionare il proprio catalogo di prodotti, re-inventando se stessa e cavalcando il successo del settore smart technology per renderla consueta nell’inconsueto con l’obiettivo di continuare ad essere competitivi all’interno del settore di fornitura di mobili ed elettrodomestici. 

Il cambiamento deve essere quindi graduale per far sì che la nuova tecnologia smart non risulti agli occhi del cliente un attributo complesso e macchinoso, ma che bensì si integri perfettamente nel classico stile IKEA fatto di semplicità, immediatezza e comfort.

Anno nuovo, nuovo catalogo

Vediamo i punti salienti dell’offerta smart per il 2020:

  • Shortcut buttons: sono senza dubbio la vera novità introdotta da IKEA; presentati per la prima volta in anteprima da The Verge, la principale rete pubblica di notizie tecnologiche americana, saranno disponibili in store a partire dal prossimo febbraio. 

Si tratta di semplici pulsanti con un design volutamente minimal ed elegante, che una volta collegati all’app ufficiale permettono di attivare qualsiasi dispositivo IKEA appartenente alla collezione smart-home, dalle tende all’impianto di illuminazione.

Tali pulsanti possono essere appoggiati sul tavolo oppure avvitati alle pareti, eliminando così la necessità di avere sempre il telefono a portata di mano, dal momento che l’app servirà solamente a configurare i vari dispositivi e a controllarne, a distanza, il corretto funzionamento. 

Dall’altro lato, diversamente dai competitors Amazon Alexa o Google Assistant, sono stati ideati in modo da non richiedere l’installazione di uno speaker intelligente all’interno di ciascuna stanza perché con il click di un solo pulsante è possibile gestire tutte le varie operazioni “domotiche” all’interno della propria casa da un unico pannello di controllo.

  • Illuminazione smart: il reparto di lampade e lampadine negli store IKEA è spesso poco attrattivo: ci si passa davanti velocemente, si dà un’occhiata ai lampadari più alla moda e si passa oltre, verso il reparto successivo. Ma con il nuovo campionario di illuminazione intelligente, IKEA mira ad incrementare le vendite, proponendo un vasto assortimento di prodotti in grado di realizzare la migliore atmosfera con il minimo sforzo.

Tra le novità del campionario, infatti, IKEA propone delle lampadine regolabili in modalità wireless tramite i pulsanti intelligenti, che possono controllare fino a dieci lampadine contemporaneamente, così come dei nuovi pannelli a LED che possono essere installati alla parete o sul soffitto e la cui intensità luminosa può essere regolata anche tramite l’app del cellulare. 

Infine, sono incluse nelle novità anche delle luci integrabili in librerie, armadi e cucine che rilasciano una luce diffusa e si attivano con dei sensori di movimento, per permettere di trovare facilmente quello che si cerca oppure, semplicemente, per creare un’atmosfera accogliente e rilassante.

  • Casse: gli articoli della linea SYMFONISK hanno origine dalla collaborazione di IKEA con SONOS, azienda specializzata nella produzione di altoparlanti con connessione wireless, iniziata nel 2016 sulla base dell’esigenza di IKEA di affiancarsi ad un leader di settore. All’inizio sembrava che il duetto fosse destinato ad avere poco successo, ma grazie agli investimenti di IKEA e alle competenze di SONOS ora la musica tech è divenuta una vera business area per IKEA, sulla quale l’impresa punta molto per il futuro.

Dalla partnership sono nati prodotti che integrano l’illuminazione al suono, come una lampada da tavolo la cui base è costituita da una cassa wireless, attivabile tramite wi-fi o con l’app, che produce un suono intenso e vibrante, frutto degli studi di SONOS sulla qualità del suono.

E, ancora, dal prossimo febbraio sarà disponibile la cassa portatile Eneby, che può essere collegata ad ogni tipo di device per l’accensione, lo spegnimento e la regolazione del volume e che, grazie al sistema SONOS, è abbinabile ad ogni altra cassa per creare una sorta di impianto stereo all’interno della propria abitazione.

Il progetto con i big del mercato

Quando il mercato chiama, i leader rispondono. Che la domotica stia assumendo un ruolo centrale nello sviluppo della tecnologia è di certo noto a tutti, ma che colossi del mercato come Apple, Google e Amazon arrivassero a collaborare per semplificare la vita dell’utilizzatore è una notizia proprio inaspettata!

Il progetto, denominato Connected Home over IP, si basa sulla creazione di uno standard comune per la casa intelligente che permetta a tutti i dispositivi smart di “dialogare” tra di loro, indipendentemente dal sistema vocale e di controllo che si utilizza. Per ora si tratta di un progetto in corso di elaborazione, ma le aziende coinvolte sono fiduciose: entro la fine del 2020 verrà messo a punto un particolare protocollo IP che consentirà una comunicazione sicura (e senza fili!) tra i vari dispositivi all’interno della propria casa e che migliorerà la compatibilità tra tutti gli apparecchi digitali delle aziende coinvolte, garantendo la massima sicurezza e senza intaccare la privacy dell’utente.

I promotori e la partecipazione di IKEA

A dare inizio alle danze sono stati Amazon, Apple e Google: consapevoli dei dati brillanti nella vendita dei dispositivi intelligenti, hanno deciso di coalizzare le loro forze per creare un protocollo open source, liberamente accessibile da qualunque azienda che potrà così introdurre dei prodotti smart sotto l’ombrello degli assistenti vocali di Amazon, Google ed Apple.

Fanno parte dell’alleanza anche tutte le aziende della Zigbee Alliance (IKEA, Bticino, Samsung, Schneider, Philips, Somfy, Wulian, Silicon Labs) per le quali il progetto over IP costituisce non solo una strategica opportunità di crescita, ma anche il mezzo per sfruttare la conoscibilità e la fedeltà dei clienti di tutti il mondo ai prodotti di Apple, Amazon e Google, al fine di incrementare le vendite dei loro nuovi prodotti intelligenti, recentemente introdotti nei rispettivi cataloghi.

IKEA e la sua nuova gamma di prodotti potranno così trarre un enorme beneficio: la buona riuscita del progetto, la cui conclusione è stimata a 2020 inoltrato, può essere una leva di innovazione per l’azienda svedese che, in ogni caso, è ben consapevole dei grandi passi fatti per integrare all’interno del suo modello di business una forma di tecnologia che, fino ad ora, si adattava ben poco alla sua immagine.

Per IKEA il futuro dell’azienda è strettamente correlato al soddisfacimento della richiesta del consumatore: poter disporre di una casa confortevole ma, al tempo stesso, più funzionale in termini di facilità di utilizzo e velocità di risposta è senza dubbio un punto cruciale per l’acquirente che si reca in un negozio di fornitura per la propria abitazione. Non resta quindi che aspettare per conoscere quali saranno i prossimi passi di IKEA nella tecnologizzazione della propria offerta!

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life - 2015

made by digimade

Questo sito usa dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi