4 step per uscire dalla propria comfort zone

Nella vita, a volte, siamo messi di fronte ad un bivio: è meglio sbilanciarsi affermando le proprie idee e condividendo le proprie opinioni o è meglio tenere un profilo basso, stare in silenzio e adeguarsi alla maggioranza? Non sempre le scelte che facciamo si rivelano giuste, però possiamo riflettere su come le cose sarebbero potute andare diversamente, acquisendo una nuova consapevolezza di sé, delle proprie competenze e dei propri mezzi.

Di tanto in tanto mi è capitato di conoscere persone capaci di parlare davanti ad un pubblico con grande disinvoltura: io al loro posto, non so se sarei stato all’altezza della situazione. È vero, a volte non hanno scelto la parola giusta, sono inciampati in qualche termine errato o hanno commesso qualche gaffe, ma questo non conta. Di questi ho apprezzato la volontà di buttarsi, di affrontare una situazione di stress uscendo dalla propria zona di comfort.

L’importanza dei momenti di confronto

Nel lavoro di tutti i giorni ci sono numerose occasioni di confronto: mi piace utilizzare proprio la parola occasione, perché mi dà il senso di qualcosa da sfruttare, come un’opportunità. In certe riunioni, ad esempio, ci si può confrontare con persone che hanno idee diverse, se non addirittura opposte, da quella che reputi più corretta. Cosa fare? Esporsi e partecipare attivamente al dibattito, oppure tacere? Parlare durante le riunioni potrebbe promuovere la tua reputazione, certo, ma capita di avere paura di dire la cosa sbagliata. Situazioni come questa, importanti dal punto di vista professionale, accadono, purtroppo o per fortuna, molto spesso.

Tali situazioni, per certe persone non sono solo sgradevoli, ma diventano dei veri e propri momenti di tensione e nervosismo. Man mano che si cresce e si diventa più competenti nel lavoro, ci si troverà costantemente di fronte a momenti in cui adattare il nostro comportamento risulterà di fondamentale importanza. Senza la capacità e il coraggio di fare un salto, si potrebbero perdere importanti opportunità di avanzamento professionale. Come si può quindi, cambiare la mentalità per sfruttare al meglio ogni occasione di confronto?

4 consigli su come affrontare situazioni scomode

pensieroso

  • Sii onesto con te stesso

Quando non hai sfruttato l’opportunità di parlare, è stato davvero perché ti trovavi completamente d’accordo su quanto detto, o avevi paura di dire qualcosa di diverso? E quando non hai affrontato quel collega che ti stava mettendo in cattiva luce, è stato davvero perché sentivi che alla fine si sarebbe fermato, o perché avevi paura del conflitto? Capita di non volersi sbilanciare per evitare situazioni al di fuori della zona comfort. Altre volte, invece, è giusto prendere coraggio e affermare quello che si pensa, mettendo da parte la paura di sbagliare o contraddire gli altri.

  • Fai ciò che senti davvero

Sono in pochi a lottare in ogni occasione che si presenta sul posto di lavoro. Potresti avere difficoltà a fare due chiacchiere in generale, ma lo troverai più facile se l’argomento è qualcosa che ti appassiona o che conosci bene. Potresti anche riscontrare problemi iniziali a fare networking, ma questo non significa che tu non possa stringere delle amicizie che con il tempo diventeranno poi solide e profittevoli per la tua situazione lavorativa.

  • Guarda le cose in maniera differente

Non attribuire troppa incertezza o variabilità al caso. Conosco dai tempi dell’università persone che hanno avuto grandi difficoltà a uscire dalle loro zone di comfort, sia con i professori che nella vita di tutti i giorni. Ciò che ho sempre cercato di dire loro è che tutto dipende dal proprio approccio: provare a vedere un ostacolo come una sfida o un momento di difficoltà come un’opportunità di crescita può fare la differenza. Più si riesce a trovare il modo di modificare il così detto mindset e più le nostre insicurezze risulteranno piccole.

  • Buttati

Per uscire dalla tua zona di comfort, devi farlo e basta, anche se è scomodo. Metti in atto meccanismi che costringono a tuffarti, e potresti scoprire che ciò di cui inizialmente avevi timore non era poi così impegnativo come pensassi. Per crescere devi lanciarti nelle situazioni: stare fermi nelle proprie idee e convinzioni non serve a nulla. È importante mettersi in gioco, confrontarsi e scontrarsi con chi ne sa più, chiedere il perché l’idea che si appoggia non è quella giusta per poi lavorare su questa, migliorare e migliorarsi. Stare in silenzio non porta a grandi risultati.

studi

Investi su te stesso

È fondamentale capire che cosa si vuole veramente. Ti mancano delle competenze per raggiungere il tuo obiettivo? È normale! Frequenta dei corsi, impara a confrontarti con altre persone e ad affermare le tue idee in modo costruttivo. Ci saranno delle difficoltà? Certamente. Il successo non arriva senza sacrifici.

C’è una foto che riassume tutto quello che ho detto finora. Una foto in cui c’è un uomo, in un piccolo ufficio americano, che lavora dalla mattina alla sera per inseguire il suo sogno. Sul lato, un cartellone su cui con una bomboletta è stato scritto il nome dell’azienda più grande al mondo: Amazon. A Jeff Bezos infatti non hanno di certo spianato la strada; lui, la sua strada, se l’è costruita, attraverso sacrifici, duro lavoro e determinazione.

jeff

Rialzarsi dopo le cadute

Ti potrà capitare di inciampare, ma fa parte del gioco! In effetti, questo è l’unico modo per imparare, soprattutto se si comprende che i passi falsi sono una parte inevitabile, e di fatto essenziale, del processo di apprendimento e di crescita di una persona. I momenti difficili e le situazioni impegnative sono quelle che insegnano di più. Nella maggioranza delle persone di successo rientrano persone che non si sono arresa e che ci ha creduto fino in fondo nonostante tutte le difficoltà. Nelle biografie di queste persone, nel percorso verso ciò che sono oggi, vengono raccontati fatti o episodi che lasciano il segno, cambiandone tratti della personalità o dell’atteggiamento.

success

Alla fine, anche se a volte ti senti impotente in situazioni al di fuori della tua comfort zone, hai più potere di quanto pensi. Per questo, prova: onestà con sé stessi, fai ciò che senti e buttati. Credo che, a prescindere dal risultato che otterrai, potrai ritenerti una persona soddisfatta per aver dato a te stesso/a l’opportunità di crescere, imparare e aver fatto un passo in avanti.

Non si finisce mai di imparare, e non si finisce mai nemmeno di sbagliare, quindi non ti preoccupare. Ogni giorno ci riserva un’occasione per diventare una persona migliore del giorno precedente. Sfrutta il tempo a tua disposizione, sei tu che costruisci il tuo destino.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life | 2015-2020

made by digimade

Questo sito usa dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi