Skip to main content
search
CareerLifehack

Come organizzare il bullet journal lavorativo

da 4 Gennaio 2018Luglio 24th, 2018Nessun commento

Il nuovo anno è ormai iniziato, i buoni propositi sono stati scritti ed attendono solo di essere portati a termine. Ma come possiamo affrontare al meglio il rientro al lavoro rispettando tutti i buoni propositi che ci siamo dati? Come possiamo migliorare la nostra produttività per il nuovo anno a venire? Ecco alcuni pratici consigli su come organizzare la propria bullet journal lavorativa (rigorosamente cartacea) per diventare dei planner a livello PRO.

Usare gli strumenti giusti: Bullet Journal

Come prima cosa parliamo di DOVE e COME costruire la vostra planner personale.
Avete già sentito parlare della bullet journal? Se ancora non sapete di cosa stiamo parlando vi consigliamo di fare un salto qui: “Bullet Journal: Come Pianificare alla Perfezione con Carta e Penna”.
La costruzione è assai semplice: un notebook, una penna e tanta fantasia per organizzarsi.
Se anche la scelta del notebook vi sembra un’impresa abbiamo le risposte a tutte le vostre domande nella “Guida alla scelta della Moleskine”.
Io personalmente da qualche mese utilizzo la Moleskine Professional versione XL, che mi consente di appuntare tutto per data, avere un indice già pronto e pianificare tutto.

moleskine-professional-workbook-a4-6

 

Non solo appuntamenti: pianificare anche le ambizioni

Un bullet journal lavorativo che si rispetti dovrebbe avere non solo la pianificazione mensile degli appuntamenti, i to do da portare a termine ed i progetti in progress ma anche i propri obiettivi.
Ogni mese, dedica una pagina alla lista delle cose che vuoi imparare ed approfondire per poter crescere professionalmente ma soprattutto personalmente:
– Libri o paper da laggere;
– Eventi di settore a cui partecipare quel mese;
– Tool o strumenti da imparare ad utilizzare;
– Costruire la tua goals list.

Startup Stock Photos

Avete mai fatto l’esercizio sul cerchio della vita?
Basta disegnare un cerchio perfetto, dividerlo in 4 sezioni (orizzontalmente e verticalmente) e poi dividere nuovamente queste sezioni in fette. Il centro del cerchio sarà lo 0% mentre gli estremi del cerchio il 100%. Sulle 8 fette del cerchio della vita troviamo: lavoro, famiglia, vita di coppia, salute, vita sociale, vita spirituale, finanze ed emozioni. L’esercizio prevede che si debba colorare la fetta fino alla percentuale sulla quale si da importanza a quella determinata situazione della propria vita.
Allo scorso MARKETERs Festival, durante il corso di Human Development Anthony Smith ha fatto disegnare ai partecipanti un differente cerchio della vita, che ha chiamato “Cerchio delle Competenze”. Un buon esercizio potrebbe essere quello di disegnare il cerchio delle competenze ogni mese nella vostra agenda, colorare gli spicchi in base a quanto ritenete sviluppate determinate competenze e capire come migliorare di mese in mese. Anthony ci ha segnalato alcune competenze fondamentali, che trovate nell’immagine qui sotto. Nulla toglie ad organizzarvi il vostro personale cerchio delle competenze.
La cosa importante? Che sia monitorabile e confrontabile di mese in mese!

cerchio

 

TO DO List: come e quando

Importante se non fondamentale per sopravvivere alle giornate lavorative sono le TO DO list. Anche in uesto caso è utile non avere post-it sparsi per tutto l’ufficio, fogli volanti o mille app. Cercate un unico posto dove poter inserire i to do delle vostre settimane lavorative.
Come costruire delle TO DO list perfette?

  • Fai una legenda delle chiavi di lettura: inserisci ad inizio agenda la chiave di lettura sui task che sono stati fatti, rimandati, da fare o importantissimi;
  • Dividi per tipologia di task: operativo o strategico. Sicuramente costruire un brief o una presentazione, piuttosto che “ricordarsi di programmare il post FB alle 12:00” sono dei task molto differenti;
  • Fai la lista il venerdì prima di uscire dall’ufficio. Una buona abitudine potrebbe essere quella di scrivere la lista dei TO DO mezz’ora prima di finire la settimana lavorativa questo farà sì che tu abbia chiare le cose che sei riuscito a fare durante la settimana appena passata e quello che ti aspetta la settimana successiva (a me personalmente evita le paturnie della domenica sera su cosa mi aspetta il lunedì).

48b7e725a52363fb00e97fb136ca45f2

Pronti per pianificare ed iniziare questo nuovo anno? Noi siamo prontissimi!

Sara Tebaldini

Caporedattore del magazine, amo il marketing e la comunicazione. Spero prima o poi di vivere come in una serie TV.

Lascia una risposta

Close Menu