Skip to main content
search
Crescita PersonaleLifehack

Le Sissi, aperta la prima sartoria digitale con oltre 180mila abiti

da 7 Dicembre 2016Nessun commento

Il sogno di ogni donna si è avverato. Alte, basse, magre, in carne: tutte noi, in fondo, abbiamo sempre desiderato di portare con disinvoltura abiti di ogni forma e modello, valorizzando la nostra silhouette. Sogno, desiderio? Realtà! Tutte noi infatti dovremmo dare un’occhiata a Le Sissi, start up online da qualche settimana, ideata e avviata da una 28enne veneziana appassionata di moda e marketing: un e-shop speciale che mostra in anteprima 3D abiti donna personalizzabili, con oltre 180mila combinazioni di modelli, stili e colori. Curiose?

Le Sissi è nata da un’idea di Veronica, che all’epoca del mio articolo Dall’università alla start up: 10 dritte per realizzare un’idea era ancora una (quasi) imprenditrice. Mistero svelato, dunque: ecco di che cosa si è occupata, ecco nome e mission della prima giovane sartoria digitale italiana che farà impazzire tutte le donne. Rete d’impresa e innovazione, così Veronica ha intenzione di soddisfare i nuovi bisogni di consumo emersi con la crisi dei modelli economici tradizionali. La mia intervista a lei, nove mesi dopo.

Lookbook

Perché una donna dovrebbe acquistare un abito Le Sissi?
Per avere l’abito che desidera, che le calzi a pennello. Attraverso i vestiti, infatti, trasmettiamo qualcosa della nostra personalità; è importante che ciò che indossiamo ci rappresenti e ci faccia sentire a nostro agio. Spesso trovare quello che si vuole è un’impresa: non troviamo il colore, o ancora peggio la taglia. La soluzione è Le Sissi, che permette alle donne di creare, ordinare e indossare abiti su misura 100% made in Veneto.

Avviare una start up è un rischio. Che cosa ti ha dato il coraggio di affrontarlo?
La volontà di cambiare le cose, di creare qualcosa di nuovo e utile per l’economia locale. Più che un rischio, per me è stata un’opportunità: avete mai sentito parlare di un negozio con più di 180mila abiti di qualità, a prezzi accessibili, che si vestono perfettamente tutte le forme? Oggi esiste e si chiama Le Sissi, un negozio “speciale” visitabile in qualsiasi momento dal divano di casa.

Cinque cose per te fondamentali che ti hanno permesso di creare Le Sissi?
Al primo posto la determinazione. Poi la serietà, intesa come unione di capacità critica e organizzazione. Il problem solving al terzo posto; un team valido di supporto al quarto (credo che competenze diverse e condivise per un unico obiettivo facciano funzionare al meglio l’impresa). In ultima battuta le risorse economiche perché investire in tecnologia costa e non poco.

Quanto tempo ci è voluto per trasformare il tuo sogno in realtà?
Due anni. L’idea di costruire qualcosa di mio mi è venuta circa tre anni fa, mentre stavo lavorando alla tesi di laurea magistrale. Poi ho avuto la fortuna di conoscere Verona Innovazione, ambiente dinamico e stimolante, partecipando ad un percorso formativo per giovani imprenditori. Ho iniziato a mettere a punto il mio progetto di impresa e a marzo 2016 ho avviato la fase di analisi di mercato, organizzazione e pianificazione.

abiti3

Hai mai pensato di mollare?
Mai. È però fondamentale non innamorarsi della propria idea iniziale. Le Sissi è il risultato di un progetto che si è evoluto nel tempo, totalmente diverso rispetto a come era stato concepito. La sua crescita è dipesa da una serie di test intermedi utili per capire cosa avrebbe funzionato e cosa no. Per questo un bravo imprenditore deve essere prima di tutto obiettivo ed autocritico.

Il momento più bello ad oggi? Quello più difficile?
Ci sono stati momenti belli e momenti difficili. I primi: vedere concretamente il frutto del proprio lavoro, ad esempio un abito nato dalla prototipazione di un modello; capire l’importanza di ogni singolo collaboratore della rete nel raggiungimento dell’obiettivo. I secondi: dover gestire l’imprevisto in tempi stretti, fare i conti con la perdita di controllo. È in questi momenti che esce il vero carattere dell’imprenditore.

L’inaugurazione di Le Sissi, qualche settimana fa. A chi dedichi questa prima conquista?
Alla mia famiglia, che ha creduto in me e mi ha permesso di realizzare un sogno. Agli amici. Al team di Verona Innovazione, ai miei collaboratori. Le Sissi esiste grazie all’impegno di ogni singolo componente della rete d’impresa!

Che cosa fare per rimanere aggiornati su Le Sissi e il suo futuro?
Registrarsi su lesissi.com per ricevere tramite mail news, promozioni e aggiornamenti da Le pillole di Sissi – blog ufficiale di Le Sissi. Seguire Le Sissi su Facebook ed Instagram. E infine pianificare un giretto a Verona e cercare sulla mappa Stradone Porta Palio 23. Venite a trovarmi, non vedo l’ora di conoscervi di persona a Le Sissi Boutique!

Le Sissi logo

Giulia Sambo

Ha studiato comunicazione, prima a Padova e poi a Verona. Lì si è fermata, per scrivere e per amore. Ha vissuto di volley e oggi vive di cinema. Nel tempo libero insegna inglese ed esplora la città.

Lascia una risposta

Close Menu