“Mollo Tutto E Apro Un Chiringuito”: solo un titolo di un film? No, un fenomeno chiamato Yolo Economy

Yolo Economy: be your own boss

Se questo movimento ha un grido di battaglia è YOLO: “si vive una volta sola”. In tanti lo abbiamo sempre detto ma in realtà è un acronimo reso popolare dal rapper Drake un decennio fa. Ecco a cosa ci riferiamo quando parliamo della Yolo Economy, del cambio di vita da un posto sicuro e stabile ad un posto di lavoro più azzardato e incerto, spinti dalla speranza di raggiungere il proprio sogno.

You Only Live Once, ovvero “si vive una volta sola”

Proprio pochi giorni fa è uscito il nuovo film distribuito da Medusa chiamato “Mollo tutto e apro un chiringuito”, con la storia del noto “Milanese Imbruttito” che cambia vita dopo un momento difficile a livello lavorativo. Questo è solo uno dei tanti esempi che stanno caratterizzando il 2021 e che possono essere considerati parte della Yolo Economy.

Esauriti e pieni di risparmi, alcuni lavoratori stanno lasciando i lavori stabili in cerca di avventure postpandemiche.

Così il New York Times definisce i protagonisti di questo fenomeno, che ha avuto una forte accelerata con il Covid-19, coinvolgendo in particolare i Millennials e parte della Generazione Z.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by tam-tam ECONOMY (@tamtameconomy)

Il principio da cui si sono ispirati sta proprio nel termine stesso di YOLO. La sua nascita risale alla lingua inglese in sostituzione della frase “Carpe Diem”, ma il primissimo uso lo si attribuisce allo scrittore tedesco Goethe nel 1774. Oggi l’acronimo di “You Only Live Once” è diventato popolare grazie al rapper Drake e alla canzone The Motto del 2011. Da allora viene utilizzato per definire coloro che decidono di prendere decisioni audaci, non avendo paura di esporsi ai rischi.
Attualmente, persino gli operatori di borsa lo citano quando fanno scommesse irresponsabili che a volte pagano.
Più frequentemente, è arrivato a caratterizzare l’atteggiamento che ha catturato un certo tipo di impiegato annoiato che vuole cambiare ambiente lavorativo.

Donna che vuole cambiare lavoro ed è annoiata

The Great Resignation e le grandi dimissioni

La cosiddetta The Great Resignation, dopo gli Stati Uniti continua a colpire anche l’Italia. Secondo il Ministero del lavoro, nella nota rilasciata nel secondo trimestre del 2021 si sono registrate 484 mila dimissioni volontarie, ben 85% in più rispetto al 2020.

Questo fenomeno lo si riscontra soprattutto nei Millennials, che sono propensi ad lasciarsi alle spalle il loro attuale lavoro per avviare una propria attività imprenditoriale, che molto spesso parte da un loro hobby o passione.
Questi desideri e aspettative sono la profonda conferma che i dipendenti cercano qualcosa di più del semplice compenso dai loro datori di lavoro. Ciò è particolarmente vero anche per i giovani della Generazione Z, di cui solo il 29% ha indicato uno stipendio competitivo e benefit come fondamentali per il proprio impegno, rispetto a quasi la metà (49%) di coloro che hanno più di 55 anni.

Il cambiamento di te stesso sei tu

Grazie alle novità delle piattaforme online, queste nuove attività imprenditoriali sfruttano il lavoro da remoto e si avvalgono delle ultime tecnologie per raggiungere la clientela, eliminando l’approccio di vendita fisico ma avvalendosi del coworking.
In Italia questa direzione sarà presto appoggiata dal nuovo Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza lanciato dal Governo come progetto facente parte del Recovery Fund, avente investimenti pari a 191,5 miliardi di euro divisi in 6 missioni, tra cui: l’innovazione, la digitalizzazione, la competitività, l’istruzione e la rivoluzione verde. Questo progetto potrebbe arrivare, secondo le stime, a portare ad una crescita media del PIL nel 2022-2026 dell’1,4% più alta rispetto al 2015-2019.

Yolo Economy: i numeri

Sicuramente avremo sentito storie di persone che di recente hanno deciso di dare una svolta alla loro vita lavorativa e non solo. Approfondiamo alcuni dati interessanti di due analisi basate sul 2020 e 2021.

Una ricerca realizzata dall’IBM Institute for Business Value (IBV) per l’Italia pubblicata a febbraio 2021 ha reso noto che:

  • 1 dipendente su 5 ha cambiato volontariamente lavoro nel 2020. La Generazione Z (33%) e i Millennial (25%) rappresentano le fasce di età che più si sono messe in gioco.
  • 1 persona su 4, a livello globale, intende cambiare posto di lavoro nel 2021 e anche chi ha cambiato lavoro nel 2020 potrebbe essere alla ricerca di nuove opportunità.
  • Il 28% dei dipendenti intervistati ha dichiarato di voler cambiare lavoro nel 2021. Le ragioni principali di questa scelta sono la necessità di un programma o di un luogo di lavoro più flessibili, di maggiori benefit e di supporto per il proprio benessere.
  • Per quanto riguarda le skills, invece, il 58% degli intervistati ha dichiarato di voler seguire corsi di formazione continua, per lo più online; il 25% ha indicato riqualificazione o miglioramento delle competenze come obiettivi principali per il 2021, inclusa l’iscrizione a un corso di laurea o certificazione; circa il 30% della Generazione Z e il 30% dei Millennial ha dichiarato che si iscriverà a un corso di laurea o certificazione e più di 1 intervistato su 4 della Generazione Z afferma che perseguirà un’opportunità di apprendistato, rappresentando la generazione più disposta a intraprendere questo percorso.

La nota redatta in forma di Comunicazioni obbligatorie dal Ministero del Lavoro, delle Politiche Sociali e dalla Banca d’Italia, il 6 novembre 2021 ha reso noto che:

  • Nel corso del 2021 le dimissioni sono gradualmente aumentate superando, nella seconda metà dell’anno, i livelli registrati nell’anno precedente.
  • Sono molteplici i fattori, sia lato offerta sia lato domanda di lavoro, che potrebbero spiegare tale incremento. Da una parte i lavoratori dipendenti potrebbero essere meno disponibili a lavorare alle condizioni prevalenti, mentre dall’altra è possibile che, grazie alla ripresa della domanda di lavoro, un numero crescente di persone lasci la propria occupazione stabile per un’altra.
  • Nei primi 10 mesi dell’anno sono state rilevate 777.000 cessazioni volontarie di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, 40.000 in più rispetto a due anni prima.
  • Nel 2021 le dimissioni volontarie sono aumentate nel Centro Nord e nel Mezzogiorno, invece, sono rimaste stazionarie.

Uomo che decide di dimettersi dal lavoro

Il dipendenti cambiano lavoro: motivazioni e contro-azioni

All’interno dello studio di IBM sono state anche ricercate le motivazioni che hanno spinto i dipendenti in Italia a cambiare lavoro nel 2020 in piena emergenza pandemica. È emerso che il desiderio di avere una flessibilità sul luogo di lavoro (32%) è l’aspetto più desiderato, a cui segue la voglia di avere un incarico più mirato e soddisfacente (27%). Troviamo poi la voglia di ottenere più benefit insieme a una maggiore attenzione al proprio benessere (26%), un maggior riconoscimento del proprio valore (25%) e salari più alti o promozioni di carriera (25%).

Secondo l’indagine fatta su 14.000 persone di tutto il mondo, alla domanda “cosa i datori di lavoro dovrebbero offrire per coinvolgere i dipendenti e trattenerli all’interno delle organizzazioni?“, i lavoratori hanno risposto:

  • l’equilibrio tra vita professionale e vita privata (51%), ovvero il cosiddetto work life balance
  • le opportunità di avanzamento di carriera (43%)
  • le necessità di avere maggiori opportunità con retribuzioni e benefici (41%)
  • la presenza di etica e di valori proprio nel datore di lavoro (41%)

Più di un terzo dei dipendenti ha anche indicato le opportunità di apprendimento continuo (36%) e la stabilità organizzativa (34%) come fattori chiave di coinvolgimento.

In conclusione

Ciò che emerge è che i vantaggi per chi abbraccia la Yolo Economy possono riguardare:

  • la possibilità di gestire il controllo della propria vita
  • maggiore flessibilità di orari
  • non avere perdite di tempo dovute al pendolarismo
  • essere concentrati sulla propria passione
  • essere realizzati in ciò che si fa

E quelli per i datori di lavoro? Secondo Pietro Novelli, country manager Italia di Oliver James, gli elementi che possono influire sulla decisione di restare in azienda sono:

Flessibilità, tanto oraria quanto di luogo di lavoro, possibilità di poter migliorare le proprie competenze, confermando, così, che la formazione continua è un elemento importante per trattenere talenti. Infine, un buon piano di welfare aziendale e un definito percorso di avanzamento carriera, giudicati gli elementi fondamentali per non guardarsi intorno.

Equilibrio tra tempo, costo e qualità.

Sarà questo il futuro del mondo del lavoro?

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life | 2015-2020

made by digimade

Questo sito usa dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi