Time management: imparare a gestire tempo e task al meglio

time management - gestire il tempo al meglio

La filosofia del “questo lo faccio dopo” e del “non ho tempo” non passa mai di moda. Si parte la mattina posticipando la sveglia per 2-3 volte, forse di più, e poi si finisce a lavorare fino alle 2 del mattino per recuperare il tempo perso in mille attività a zero produttività, magari saltando anche un pasto o due.

Forse non è il modo giusto per gestire il proprio tempo e soprattutto per ottenere risultati. Capita anche a voi?
Noi 0 – stress 1.

Compiti: multi-tasking o mono-tasking?

Partiamo dall’inizio: prima di cominciare è bene prendersi qualche minuto di tempo per valutare il carico di lavoro della giornata. Fate una lista con tutti i compiti che vorreste portare a termine nell’arco di tempo a disposizione. Bene. Una volta approntato questo elenco si passa alla seconda fase: mettere in ordine di priorità.
Probabilmente in coda alla lista si accumuleranno gli elementi meno importanti, ci saranno anche quelli inutili e anche qualche attività delegabile ad altri. Già in questo lasso di tempo iniziale avrete dato una bella sforbiciata alla lista arrivando al nocciolo.
Noi 1 – stress 1.

Pianificazione: casuale o ottimizzata?

Una volta messo ordine ai compiti e agli obiettivi reali e realistici della giornata, arriva la parte più difficile. Non basta dare priorità alle proprie attività ed escludere quelle inutili, è essenziale anche determinare la quantità di tempo necessaria al compimento di ciascuna.
Imparare a pianificare le proprie task durante una giornata, o quelle di un’intera settimana, può rappresentare una svolta nell’ottimizzazione del tempo a vostra disposizione. Non si tratterà più di disperdere le proprie energie, ma di dedicarsi alle attività produttive.
Noi 2 – stress 1.

Ambiente: distrazioni o concentrazione?

Avete le priorità, avete deciso quanto tempo dedicare a ogni singolo task e adesso serve creare l’atmosfera giusta. Sì perché le distrazioni sono sempre dietro l’angolo e voi sapete quali sono e quanto sanno distrarvi.

Per esempio: per alcuni avere della musica di sottofondo è un modo per lavorare meglio, più concentrati, sia che si tratti di heavy metal che di musica classica. E allora preparatevi una bella playlist dedicata per dare il massimo rendimento; se non ne avete una, ne potete trovare moltissime online: su Spotify ci sono “Massima concentrazione” o “Lavorare con la musica” e non è un caso.
Il passo successivo è eliminare il motivo massimo di distrazione: il vostro smartphone. Questo non significa che dovete buttarlo nel cestino o fuori dalla finestra. È sufficiente metterlo in un cassetto, silenzioso, in modalità aereo, lontano dagli occhi lontano dal cuore. Si tratta di qualche ora, non di una vita: ricordate il primo punto sulle priorità.
Noi 3 – stress 1.

Non è finita qui. Anche noi cerchiamo di gestire al meglio il nostro tempo, ma possiamo migliorare. È per questo che ci siamo iscritti al corso di Time management organizzato da MARKETERs Academy. Ci sarete anche voi?

 

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life - 2015

made by digimade

Questo sito usa dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi