Catalogo Ikea 2021: la sostenibilità a casa

Di fatto un oggetto cult per molti appassionati di arredamento e non solo. Decisamente più di un semplice catalogo commerciale, da molti considerato “la bibbia” dello storytelling aziendale moderno (di biblico, fino a qualche anno fa, aveva almeno i numeri delle ristampe), il catalogo IKEA 2021 arriva nei negozi e, come parecchie delle trovate di comunicazione del brand di furniture svedese, fa molto parlare di sé.

Digitale, sostenibile, da collezionare

Il 2020 è il 70esimo anniversario del catalogo IKEA, uno strumento di marketing diventato icona di un modo di abitare e di vendere mobili, che l’anno scorso aveva già spiazzato i clienti con l’annuncio della progressiva rinuncia all’edizione cartacea in favore di un catalogo online fruibile sul sito. Un processo che continua anche con il catalogo IKEA 2021, stampato in soli 2 milioni di copie (a fronte dei 16 milioni del 2011) a cui si aggiunge l’ambizione sempre più chiara di diventare una guida per una vita più salutare con soluzioni alla portata di tutti.

È questo il punto chiave del nuovo percorso di IKEA secondo Luca Battistelli, Home Furnishing Direction Leader di IKEA Italia, pienamente consapevole che fare comunicazione e vendere prodotti per un colosso come IKEA significa avere un potere da usare in maniera responsabile. Per questo l’obiettivo del gigante svedese nel 2021 è quello di sfatare il mito che alcuni modi di vivere più consapevoli e sostenibili sono appannaggio di un élite ristretta, dimostrando che possono essere un’opzione valida per ognuno di noi. 

Come accennato, il catalogo arriva alla soglia dei 70 anni e per festeggiare al meglio, IKEA propone una nuova copertina o, meglio, nuove copertine, al plurale. Sì, perché la brochure non ha una sola, ma cinque copertine nate dall’ingegno di cinque designer di cinque paesi differenti. Questi hanno creato la propria versione, rispettando mood e colori in linea con la comunicazione aziendale, ma libera scelta nei prodotti e nelle ambientazioni, così tutti i consumatori dei diversi paesi possono riconoscersi in quella pubblicazione.

Il catalogo non arriverà a casa e non si potrà richiedere in edicola. L’impressione è che l’azienda punti a una strategia di esclusività anche per attrarre clienti in store: riuscire ad ottenerne una copia fisica, potrebbe essere per qualcuno una buona ragione, o un motivo in più, per andare negli store e portare a casa il cimelio della propria visita, rendendone più piacevole il ricordo.

L’edizione 2021 sembra così qualcosa di molto simile a un oggetto da collezione, come del resto lo sono diventati ormai riviste cartacee prestigiose di settore. Il paragone non è azzardato e c’è chi da tempo suggerisce di considerarlo una rivista d’arredamento a tutti gli effetti, certamente per la capacità che ha di offrire a chi lo sfoglia ispirazioni e soluzioni pratiche per la casa. 

In effetti, l’edizione di quest’anno è un bignami di piccoli trucchi e semplici accortezze per rendere più vivibile e sfruttare al meglio ogni spazio della propria abitazione. 

Se sfogliati in progressione cronologica, però, proprio come le riviste d’arredamento, rendono l’idea di come siano cambiati nel tempo i gusti in fatto di mobili e accessori per la casa e gli stili di vita in famiglia. Proprio con questo intento, in concomitanza con l’uscita del catalogo IKEA 2021 e per celebrare i settant’anni dalla sua prima pubblicazione, l’Ikea Museum ha digitalizzato i cataloghi dal 1950 a oggi e li ha resi disponibili online (oltre che nell’ambito di una mostra in sede, visitabile su prenotazione e in rispetto delle misure anti-contagio). Sfogliandoli, anche solo virtualmente, ci si accorge, per esempio, di come nel tempo anche ambienti casalinghi tradizionalmente di rappresentanza come i salotti abbiano acquisto funzionalità e siano diventati luoghi frequentati da tutti i membri della famiglia, bambini inclusi, o ancora di come dagli eccessi e lo sfarzo degli anni Ottanta si sia passati, già durante i Novanta, a un minimalismo e a una praticità nelle scelte d’arredamento mai passate di moda.

L’innovazione al centro del nuovo catalogo IKEA 2021

L’azienda svedese non sembra essersi limitata, però, a fotografare nel tempo le diverse tendenze in fatto di lifestyle e home decor; piuttosto, le ha incentivate, com’è compito di ogni buon love brand. Il catalogo IKEA 2021 è così un inno alla sostenibilità non «per tutti» ma «per ognuno». Fare scelte sostenibili per l’ambiente, per la comunità, non è più una prerogativa esosa e per pochi, e di proposte green, a costi accessibili e rispettose dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, se ne trovano tante e per tutti i gusti: dalla cucina interamente ricavata dalla plastica riciclata (è il caso della cucina componibile Kungsbacka) ai tessili in cotone organico proveniente da piantagioni sostenibili, passando per gli accessori in legno di bambù. Sembra, insomma, una sorta di «guida per vivere green senza andare in rosso», scherza il canale Instagram di Ikea Italia.

“Essere sostenibili non è dispendioso né complicato” sottolinea Alessandro Aquilio, Country Communication & Sustainability Manager di IKEA Italia. L’azienda infatti si impegna a ripiantare tutte le piante che vengono consumate, a costruire negozi a impatto zero e in cambio mette a disposizione dei propri clienti una serie di soluzioni che rendono facile adottare uno stile di vita sostenibile a partire dalle piccole abitudini quotidiane. Questo non significa dire alle persone come devono vivere, ma metterle nelle condizioni di poter scegliere.

Vivere e non solo abitare. L’impresa prova ad allargare il purpose della sostenibilità anche a campi diversi da quelli dell’arredamento. La brochure è disseminata di piccoli suggerimenti pratici per prendersi cura di sé, degli altri, del pianeta anche quando si sceglie come lavare i propri capi in lavatrice, quanto tempo tenere accesi i propri elettrodomestici, o cosa ordinare al ristorante. Come molte altre aziende di settori diversi, dal fashion all’editoria, il gigante svedese del furniture sembra consapevole della necessità di resistere e reagire ai cambiamenti di un mondo in continuo movimento. Se per le aziende è tempo di prendere posizione, però, il brand activism lo è davvero solo se e quando può contare su un impegno diretto. Ridurre il numero di copie stampate e i costi ambientali per la loro distribuzione è insomma una prova concreta di sostenibilità per il brand, oltre che il ribaltamento della funzione stessa del catalogo, che IKEA può permettersi solo in virtù della popolarità quasi lapalissiana di cui gode. Lo strumento solitamente designato a far conoscere un’azienda e le sue proposte che diventa introvabile, o quasi, è infatti lo spartiacque verso una fase in cui l’azienda potrebbe rinunciare a fare branding ed intraprendere la strada dell’unbranding.

L’anima digital del nuovo catalogo IKEA

La scelta di pensare al catalogo IKEA 2021 con un approccio digital-first suggerisce soprattutto come sia cambiato nel tempo il customer journey anche dei clienti IKEA. “Crossmediale” parrebbe l’aggettivo più appropriato per descriverlo: c’è chi arriva direttamente alla sezione mercato dei negozi senza passare dall’esposizione ai piani superiori, perché ha già spulciato sul sito o sull’app novità e proposte dell’azienda e chi, al contrario, dopo aver passato ore e ore all’interno di camere da letto, cucine, zone living riprodotte in scala reale esce senza comprare nulla perché lo farà, o lo ha già fatto, online, approfittando della comodità di ricevere tutto direttamente a casa. Non ci sono più, insomma, percorsi standard per l’ispirazione, neanche quando si tratta di arredamento e home decor, e il catalogo IKEA 2021, nella sua versione digitale, è il primo shoppable: quando sfogliandolo si trova qualcosa a cui si è interessati, un piccolo bottone “+” permette, proprio come negli shoppable post di Instagram, di ricevere più informazioni, leggere la scheda prodotto o direttamente inserirlo nel carrello.

Una delle novità più grandi, però, è rappresentata dalle Storie fuori catalogo. Nell’anno dei podcast, del voice marketing e delle strategie di contenuto a prova di assistenti digitali, l’azienda svedese ha ideato sei storie romanzate, di narrativa ma ispirate alla vita di tutti i giorni, che raccontano valori, identità, missioni, nuove sfide del brand. Gli episodi del podcast, firmati da scrittori italiani contemporanei come Matteo B. Bianchi, Matteo Bussola e Giada Sundas, sono disponibili su Spotify e possono essere ascoltati in qualsiasi momento della propria giornata, proprio come si farebbe con un audiolibro.

Catalogo IKEA 2021: quali novità?

In questa nuova edizione trova il suo giusto habitus anche il colore in alcune proposte interessanti dai toni provocatori: giallo sulle sedie in cucina, rosso nel bagno, verde in soggiorno, blu sui mobili in un alternarsi di cromie che suscitano, nel bene o nel male, una reazione.

Assecondando una visio mundi ecologica, IKEA piazza in casa richiami all’ambiente, alla natura, servendosi di linee e forme essenziali ma funzionali a vivere comodamente.

Le novità sono palpabili in tutti gli ambienti di casa: dalla camera, al soggiorno, al bagno, passando per ingresso e cucina e finendo inevitabilmente negli spazi esterni. Come sempre, l’azienda parla la lingua del low-cost e del montaggio fai da te, ed è per questo che le proposte ruotano sempre attorno a soluzioni salvaspazio, sedie, tavoli, letti, armadi a misura d’uomo, facili da montare in materiali naturali e dai prezzi accessibili.

Ricco di soluzioni economiche, ogni pagina del nuovo catalogo è pura ispirazione per rendere le case più accoglienti, più intelligenti, più sostenibili e semplicemente più belle.

Una delle nuove proposte nel reparto cucina è un vero e proprio inno alla natura. Sedute minimal, quasi elementari, in legno grezzo, si sposano alla perfezione con un tappeto in fibre naturali e un tavolo dalle linee semplici. Il colore, oltre che dalla fitta vegetazione, è dato dall’unica sedia rossa: un punto focale che non passa inosservato.

Nel soggiorno, vasi in rattan decorano una cassettiera salvaspazio bianca. In questa proposta, la perfezione delle curve del rattan in abbinamento alla rotondità di uno specchio non estroso, mostrano come la semplicità e l’essenzialità siano sinonimo d’eleganza.

Nella stanza da bagno, si offrono toni decisamente più strong a cui non tutti sono abituati. Relegato com’è al suo utilizzo necessario, il bagno ritrova calore e colore in complementi d’arredo rossi (ma anche blu, verdi) dai toni provocatori e sublimi.

L’effetto relax e tranquillizzante in camera da letto non può mancare, e qui IKEA smorza i toni rimanendo fedele però alla filosofia green di partenza. Tutto questo grazie ai richiami allo stile naturale e ai materiali riciclati, quasi sempre legno, che ritroviamo nella struttura portante del letto.

Il nuovo catalogo IKEA 2021 è una vera e propria guida per vivere più consapevolmente, in modo sano ed eco-sostenibile, la vita quotidiana con una serie di soluzioni per realizzare una casa che soddisfi le esigenze del consumatore, che ne rifletta la personalità e che allo stesso tempo sia meno impattante sul nostro pianeta.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life | 2015-2020

made by digimade

Questo sito usa dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi