Il Marketing cross-culturale: la comunicazione è uguale per tutti?

In un mondo sempre più globalizzato, le aziende sono tentate a standardizzare le proprie strategie comunicative e di marketing. Ma attenzione: non per questo bisogna dimenticare le differenze culturali tra i diversi paesi! È proprio qui che entra in gioco il marketing cross-culturale. Di cosa si tratta? Vediamolo insieme!

A cosa serve il marketing cross-culturale?

Fare marketing cross-culturale significa tenere in considerazione le differenze tra le diverse culture che compongono il mercato di riferimento dell’azienda. Tradizioni, usanze, credenze e comportamenti, infatti, possono variare più o meno profondamente tra un paese e l’altro e questo potrebbe cambiare drasticamente le sorti di una campagna di marketing.

Ad esempio, una campagna basata sul numero 13 sarà accolta con terrore negli Stati Uniti dato che questo numero è considerato talmente sfortunato che negli ascensori non esiste il tasto 13 e negli edifici si sale direttamente dal dodicesimo al quattordicesimo piano.
Un altro esempio è il colore bianco che, nel mondo occidentale, è considerato un simbolo di luce e purezza, mentre in paesi come il Giappone e la Corea del Sud, è associato alla morte, tanto che i garofani bianchi sono i fiori più utilizzati durante i funerali.

Questi dettagli, che a primo impatto potrebbero sembrare di poco conto, sono in grado di compromettere totalmente una campagna di marketing e di tradursi in ingenti perdite economiche, nonché in un enorme danno d’immagine per l’azienda che commetta un errore di valutazione di questo tipo.

Glocalizzazione: Think global act local

Con il termine glocalizzazione si intende quel processo che mette in relazione le specificità delle singole realtà territoriali con il contesto internazionale. Questo fenomeno, nato negli anni Ottanta, risponde all’esigenza di comprendere l’importanza di adattare prodotti e servizi in termini di prezzo, packaging, tipologie e canali di comunicazione ai diversi mercati di riferimento.Da qui l’espressione Think global act local, che indica il modus operandi di quelle aziende che, presenti a livello internazionale, scelgono di customizzare la propria offerta tenendo conto delle caratteristiche dei diversi paesi. Non tutte le aziende, però, scelgono questa strategia; alcune, infatti, decidono di adottare un approccio standardizzato.

Cos’è la standardizzazione?

Si parla di standardizzazione quando ci si riferisce a quelle aziende che adottano le stesse politiche aziendali a livello internazionale. Si tratta di solito di compagnie che ricercano i vantaggi economici derivanti dalle economie di scala e dallo sfruttamento di un’unica immagine a livello globale.
Traendo vantaggio dalle similitudini tra i diversi mercati, è più facile rispondere velocemente alle richieste del mercato stesso poiché si adotta la stessa strategia a livello internazionale e non è necessario adattarla ad ogni paese, con un conseguente risparmio di tempo e risorse finanziarie.

Ne sono un esempio le campagne Wilson: gli articoli sportivi, infatti, sono destinati ad un pubblico che ha le stesse necessità in tutto il mondo, ovvero poter acquistare un prodotto che risponda a specifiche caratteristiche tecniche e che sia in grado di assicurare la performance migliore. In questo caso le leve di marketing sono declinate nello stesso modo in tutti i mercati.

La strategia di adattamento

La strategia di adattamento, al contrario della precedente, prevede l’adeguamento delle politiche aziendali alle caratteristiche, ai gusti e alle esigenze del mercato locale. Si tratta di una scelta più costosa che, in genere, porta però a grossi vantaggi nel lungo periodo, poiché favorisce la fidelizzazione dei clienti, garantendo nel tempo una maggior redditività.

L’adattamento riguarda i diversi elementi del marketing mix:

  • Prodotto: le aziende possono decidere di vendere o meno alcuni prodotti in diversi mercati. Ad esempio, i menù di McDonald’s sono diversi nei vari paesi del mondo: il Crispy McBacon, tra i panini più richiesti in Italia, non esiste negli Stati Uniti e in India non viene servita carne di manzo per motivi religiosi. Inoltre, i menù sono ricchi di alternative vegetali, poiché gran parte della popolazione è vegetariana.
  • Promozione: le campagne non devono solo essere tradotte nella lingua parlata nel paese di riferimento ma spesso sono gli stessi messaggi a dover essere modificati, per evitare spiacevoli fraintendimenti. La stessa McDonald’s è dovuta correre ai ripari dopo aver tradotto in francese il nome Big Mac con Gross Mac, che significa letteralmente “grosso pappone”.
  • Prezzo: può variare anche molto significativamente tra i diversi paesi a causa del tasso di cambio, dei dazi doganali o del potere d’acquisto dei consumatori . Ad esempio, i prezzi dei capi di Zara in Spagna sono mediamente inferiori del 20% rispetto al resto d’Europa.
  • Distribuzione: è importante, infine, rendere il prodotto disponibile nei giusti luoghi; per questo le aziende devono poter mappare i diversi canali distributivi e scegliere quelli più adatti alle proprie esigenze e ai propri obiettivi nei singoli mercati.

Ma come avviene l’adattamento? Vediamo qualche esempio.

Netflix: ce n’è per tutti

È innegabile che Netflix abbia fatto della multiculturalità un suo punto di forza: l’immenso catalogo, infatti, è pieno di film e serie TV realizzate in diversi paesi del mondo. Da Squid Game, serie Sudcoreana di incredibile successo, a La Casa di Carta, prodotta e realizzata Spagna, alle serie italiane come Suburra, Netflix riesce a intercettare bisogni e necessità di un pubblico estremamente vasto e caratterizzato da enormi differenze di target e culturali, mettendo a disposizione degli utenti una vasta scelta di contenuti. Si tratta quindi di un forte adattamento a livello di prodotto.

Chanel: dal local al global

Ormai da una decina d’anni il mercato asiatico del lusso è in forte crescita, tanto che i grandi brand hanno cominciato ad adattare le campagne pubblicitarie scegliendo come brand ambassador celebrità molto conosciute nei diversi paesi di riferimento.
In particolare, le case di moda, spinte anche dall’esigenza di parlare sempre più ai giovani, hanno cominciato a lavorare con i k-pop idol, le star della musica Sudcoreana, capaci di influenzare milioni di ragazze e ragazzi non solo in Corea del Sud, ma anche in Cina, Giappone, nelle Filippine e in tutto l’estremo Oriente.

Un esempio su tutti è quello di Chanel che, dal 2017, ha scelto Jennie Kim, membro del gruppo delle BlackPink, come ambassador del mercato asiatico. La particolarità di questo caso è che la collaborazione non è solo andata molto bene dal punto di vista delle vendite, ma ha coinciso con l’esplosione del K-pop in America e in Europa e Jennie Kim è oggi global ambassador della casa di moda francese e protagonista della campagna della collezione Coco Neige, lanciata lo scorso ottobre.

Kit Kat: quando l’adattamento diventa un cult

Una delle politiche di adattamento più affascinanti nel mercato del food è quella operata da Nestlè per il Kit Kat, che è diventato negli anni uno dei dolci più amati in Giappone.

Come ci sono riusciti? Innanzitutto, giocando sull’assonanza tra il nome Kit Kat e il termine Kitto Katsu, che significa “vincerai sicuramente”. Questo ha reso il prodotto una sorta di portafortuna e ne ha aiutato la diffusione soprattutto tra ragazze e ragazzi, a cui viene regalato prima degli esami come simbolo di buon auspicio. L’intuizione vincente, però, è stata l’idea di creare un’enorme varietà di gusti tra cui scegliere, venduti solo in Giappone.

Pare che dal 2000 a oggi siano stati venduti oltre 200 gusti di Kit-Kat tra edizioni limitate e produzioni tradizionali: dal the matcha, al cheese cake, dal gusto castagna a quello di patate al forno, al mais. Questo li ha resi un vero e proprio oggetto di culto, nonché un souvenir molto apprezzato dai turisti che tornano dalle loro vacanze in Giappone con le valigie piene delle tavolette di cioccolato reperibili solo lì.

Conosci qualche altra campagna di marketing cross-culturale? Faccelo sapere nei commenti e non dimenticare di iscriverti alla community per non perdere i nostri articoli.

Related News

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il Progetto
This MARKETERs Life nasce per essere il punto di riferimento per un life style fresco, cool, intraprendente, stimolante e creativo. In una parola alla "marketers". This MARKETERs Life non ha semplicemente qualcosa da dire, vuole appassionare, creare networking, essere sul pezzo. Un progetto dedicato a chi come noi ama fare cose e pianificare.
Social
Newsletter

This Marketers Life | 2015-2020

made by digimade

Questo sito usa dei cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la privacy policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi